Mondo Duster Italia è un sito creato e gestito da una semplice appassionata: comprando un qualsiasi articolo da Amazon dopo aver cliccato sul banner a lato, a voi non cambierà nulla nell'esperienza di acquisto, ma permetterete a me di ricevere una piccola commissione per coprire le spese di gestione e aiutarmi a portare avanti questo progetto, che so per certo sia apprezzato.
Vi ringrazio!
Ale MondoDuster




Ruggine? No, acciaio Cor-Ten

Alcune volte è capitato, nei vari gruppi Facebook dedicati, di trovare utenti preoccupati per della vistosissima ruggine sui braccetti delle loro Duster appena ritirate. In realtà quella non è la classica e corrosiva ruggine, ma il tipico ossido protettivo che rilascia l’acciaio COR.TEN: vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Il COR-TEN è una particolare lega di acciaio, brevettato nel 1933 in America. Il suo nome deriva dalle sue proprietà, ovvero l’elevata resistenza alla corrosione (CORrosion resistance) e all’elevata resistenza meccanica (TENsile strenght). 

La caratteristica più evidente del Cor-Ten è quella di creare una patina di ossido dal colore brunito, che serve a proteggersi dalla corrosione elettrochimica.

A differenza della classica ruggine, che risulta essere irregolare e porosa, l’ossidazione del Cor-Ten è totalmente coprente e regolare, impedendo in questo modo che la corrosione del materiale base progredisca.

La patina si forma in determinate condizioni ambientali:

  • esposizione all’atmosfera;
  • alternanza di cicli di bagnamento-asciugamento;
  • assenza di ristagni e/o contatti permanenti con acqua.

In caso contrario il film protettivo non si forma e l’acciaio COR-TEN si comporta come un comune acciaio al carbonio.

Di solito il film protettivo non si forma quando si hanno determinate condizioni ambientali quali:

  • ristagni di acqua,
  • ambienti con cloruri o in presenza di acqua di mare. I cloruri tendono a non formare un film protettivo;
  • schermature;
  • applicazioni di pitture o cere protettive subito dopo l’esposizione del Corten all’atmosfera cioè prima della formazione e crescita del film passivante Tali rivestimenti impediscono la formazione del film.

In origine era composto da acciaio basso legato con 0,2-0,5% di rame, 0,5-1,5% di cromo e 0,1-0,2% di fosforo, ma negli anni la composizione ha subito qualche minima variazione a seconda del tipo di utilizzo finale.

Acciaio corten A

Questa tipologia di corten è definita anche “al fosforo” e presenta le seguenti caratteristiche “strutturali”:

Caratteristiche

Resistenza alla corrosione (rispetto ai comuni acciai al carbonio)

Spessori disponibili

Applicazioni

La corrosione si arresta dopo aver provocato una diminuzione di spessore di circa 0,05 mm

8 volte superiore

Fino a 12,5 mm

Architettoniche

Acciaio corten B

È il cosiddetto corten “al vanadio”:

Caratteristiche

Resistenza alla corrosione (rispetto ai comuni acciai al carbonio)

Spessori disponibili

Applicazioni

Le elevate caratteristiche meccaniche del materiale sono mantenute anche in grandi spessori

4 volte superiore

Fino a 100 mm

Costruzioni sottoposte a forti sollecitazioni

Acciaio corten C

Caratteristiche

Resistenza alla corrosione (rispetto ai comuni acciai al carbonio)

Spessori disponibili

Applicazioni

Recentemente introdotto sul mercato, ha una resistenza meccanica notevolmente superiore agli acciai di tipo A e B.

4 volte superiore

Fino a 25,5 mm (ad eccezione dei profilati il cui spessore max è 19 mm)

Costruzioni sottoposte a forti sollecitazioni

Il Cor-Ten non viene usato solo in campo meccanico: le sue applicazioni sono molteplici anche in campo artistico ed architettonico.







@DaciaItalia